Erotik Boutique

Racconti Erotici e Notizie

Una doccia piccante

Close-up view of woman’s hand touching her belly over black background.

Stavo sotto la doccia, il getto mi colpiva le spalle e scivolava sul mio corpo. Tutto quello che riuscivo a pensare era il giorno prima, seduta a cavalcioni sulle tue ginocchia. Le tue mani sul mio seno, le tue labbra premute contro le mie, il tuo cazzo che si tende contro i tuoi pantaloncini premendo contro di me. Non riuscivo a smettere di stringermi contro di te, tirandoti vicino, la sensazione delle tue mani sul mio corpo che scivolava sul mio culo e mi spingeva più a fondo. Si stava trasformando in una doccia piccante…

In quel momento sapevamo che dovevamo scopare. Potevo ancora percepire il vuoto dentro di me mentre mi lavavo e mi spalmavo il bagnoschiuma sotto il getto caldo, le dita che si trascinavano sulla mia pelle. Cominciai a usare la spugna per massaggiarmi e stimolarmi. Dovevo giocare. La mia testa si sollevò verso la doccia mentre le mie mani lasciavano cadere la spugna e cominciarono a giocare con i miei capezzoli. L’acqua li aveva induriti ed eretti. Nel momento in cui le mie dita scivolarono su di loro, un gemito mi sfuggì dalle labbra. Non era come essere toccati da qualcun altro, ma ho provato un brivido intenso di piacere. Tenni la mano sinistra sul mio petto mentre l’altra scivolò giù per lo stomaco fino alla mia figa. Era così liscia come l’avevo fatta il giorno prima, e così bagnata dalla doccia mentre pensavo a te. Le mie dita scivolarono dritte tra i lembi al mio clitoride. Le mie dita spalancarono le mie labbra e infilai il getto dell’acqua lentamente dentro. Sentii la mia figa contrarsi, non mancava poi molto.

Cominciai a urlare sotto la doccia e temetti che molti intorno potessero sentire e venire a controllare. Spinsi sempre più forte mentre ti immaginavo dietro di me mentre spingevi sul mio culo e le tue mani mi cullavano le tette. Mi baciavi sul collo e le tue dita andavano giù sulla figa facendomi vibrare di piacere.

Mi sono girata, ti ho raggiunto e ti ho baciato, le mie dita si sono intrecciate tra i tuoi capelli e le tue mani sono arrivate dritte al mio culo portandomi dentro di te. Il tuo cazzo palpita contro la mia figa fradicia. Questo era quello di cui avevo bisogno, questo era perfetto. Le tue labbra si sono spostate sul mio collo e lentamente sul mio petto mentre ho avvolto le mie mani attorno al tuo cazzo, muovendoti lentamente. Tutto quello a cui potevo pensare era te. Adesso. Ma abbiamo avuto tutta la notte.

Mi sono tirata via, la confusione ha offuscato la tua faccia per un secondo fino a quando ho iniziato a inginocchiarmi. Ho iniziato a prendertelo tra le tette e poi in bocca fino in fondo. I tuoi occhi si chiusero mentre la mia lingua scorreva sopra il tuo cazzo. Ti ho portato lentamente in fondo alla gola. Eri troppo grande per farti entrare fino in fondo. Ma quello che ho fatto l’ho fatto bene. Succhiando e giocando con la mia mano, saltando su e giù, facendo scorrere la lingua sopra mentre gemevi. Non volevo che finisse ancora. Ho bisogno di te in me. Tirandomi indietro ho dato al tuo cazzo un ultimo bacio e mi sono rialzata.

‘Vai dentro di me per favore, ho bisogno di te’ Voltandomi ho messo le mani sulle piastrelle e ti ho spinto contro con forza. Impazientemente mi sono spinta contro di te grondante di voglia. Ho goduto mentre scivolavi fino in fondo ancora e ancora. Gemendo, iniziammo a muoverci dentro e fuori. Le tue mani sui miei fianchi ci tengono in movimento insieme. Con il calore in bagno e noi ancora sotto la doccia stiamo gocciolando, gemendo e respirando pesantemente. Forse qualcuno di là potrebbe sentire, ma cosa importa?

Occasionalmente rallenterai solo per stuzzicare e accelerare di nuovo dopo una forte spinta. Mi misi una mano tra le gambe e iniziai a giocare mentre tu mi riempivi ancora la figa. Ti sento iniziare a riempirmi proprio mentre raggiungo l’orgasmo. Ho sollevato il sorriso e ti ho baciato. Ho pensato che avrei voluto che tutte le docce fossero così .